A TU PER TU con LAMBERTO BAVA

A TU PER TU con LAMBERTO BAVA

72LambertoBava2

In occasione dell’ uscita del primo romanzo scritto da Lamberto Bava, abbiamo scambiato quattro parole, muniti di aglio e crocefisso, col regista romano per parlare del suo “SOLO PER NOI VAMPIRI” (Profondo Rosso Edizioni). Il sole sta tramontando, i succhiasangue hanno fame…

- Lamberto Bava, dopo anni e anni dietro la macchina da presa, il Maestro del Brivido italiano siede dietro la macchina da scrivere per dar vita al suo primo romanzo. Da dove quest’idea e questa necessità?

Bisogno di novità, di cambiare, di misurarsi con qualcosa di diverso, nuovi stimoli, ma è poi così diverso scrivere un romanzo o una sceneggiatura?

- Ci racconti brevemente di cosa tratta “SOLO PER NOI VAMPIRI”?

La storia è l’incontro di due ragazze che cercano di crearsi una loro vita nel mondo in cui viviamo; diverse tra loro ma unite da un segreto. Naturalmente non mi sono staccato dal fantastico, dall’ horror, dal thriller.

- Cosa pensi della scena editoriale italiana ad oggi? I tuoi rapporti con la casa editrice di “SOLO PER NOI VAMPIRI”? 

Vedo intorno un pò di paura, ma ci sono abituato, come ci vive bene anche la casa editrice “Profondo Rosso”

- Hai altri progetti editoriali in cantiere?

Sicuro, mi è piaciuto!

- Quando rivedremo Lamberto Bava dirigere un set?

Spero presto, non dico altro!

- “SOLO PER NOI VAMPIRI” potrebbe diventare un film?

Certo, perché no?!

-  Quest’anno si festeggia il centenario dalla nascita di tuo padre, il pioniere Mario Bava. Che ricordo hai di lui?

Molti, magnifici, sempre vivi. Un padre come ce ne saranno pochi, un uomo colto e geniale

- Un saluto da Lamberto Bava agli amici di nosun.org

Un abbraccio grande grande e un morso sul collo!

 

Intervista a cura di Nico Parente

Potrebbero interessarti anche...

Nico Parente

Autore: Nico Parente

Pubblicato il 4 giu 2014 alle 5:03 pm

Lascia un commento su "A TU PER TU con LAMBERTO BAVA"