Birdman o (L’imprevedibile virtù dell’ignoranza)

Birdman o (L’imprevedibile virtù dell’ignoranza)

Regia: Alejandro González Iñárritu. Con Michael Keaton, Zach Galifianakis, Edward Norton, Andrea Riseborough, Amy Ryan

 

Riggan Thomson è un attore hollywoodiano sul viale del tramonto la cui gloria passata è inevitabilmente legata al persoanggio di Birdman , un supereroe alato il cui “peso” continua a tormentarlo.

Thomson, ormai sessantenne, cerca di dare una svolta alla sua carriera e al suo ego, improvvisandosi regista e attore teatrale impegnato. Ma Hollywood gli resta attaccato addosso e il mondo della critica e dell’arte non perdonano il suo “fetore”. Così Thomson comincia il suo flusso di coscienza: quello personale di uomo e attore al quale l’esistenza è sfuggita di mano e quello “cavernoso” di Birdman che lo tormenta, rimproverandolo di aver sacrificato il loro successo mondiale per il teatro, un mondo snob e spietato impersonificato da una critica del Times sadica e piena di pregiudizi.

Michael Keaton “meta-attore”, il Batman burtoniano che rifiutò di girare Batman Forever e che per lungo tempo è stato emarginato da Hollywood, interpreta se stesso allo specchio, liberandosi in questo modo di quel Batman che tanto lo rese famoso in un’epoca nella quale i supereroi non spopolavano sul grande schermo e ci regala la sua interpretazione più sincera e intensa.

Il regista Alejandro González Iñárritu gira lunghi piani sequenza e trasforma il film in un coinvolgente miscuglio tra teatro e realtà, critica al mondo del cinema e della “consumistica” Hollywood. La steadycam si aggira tra quinte e palco, cattura ogni “mossa” d’animo dei protagonisti : gli occhi  della figlia di  Riggan, profondi ma spenti (Emma Stone), ex tossica e ombra del padre, Mike Shiner (Edward Norton) talentuoso attore dall’ego da padre eterno, Lesley (Naomi Watts) terrorizzata di fronte alla grande prova della sua vita d’attrice mediocre: Broadway. E poi Laura (Andrea Riseborough) e il suo amore non ricambiato per Riggan.

Tra fantasia e tempesta di coscienza, un magico film sulle ambizioni perdute, i compromessi e l’arte macchiata da falsità e vana gloria.

Candidato a 9 premi Oscar: Miglior film, migliore regia a Alejandro González Iñárritu, miglior attore protagonista a Michael Keaton, miglior attore non protagonista a Edward Norton, migliore attrice non protagonista (Emma Stone) migliore sceneggiatura originale, miglior sonoro, miglior montaggio sonoro, miglior fotografia.

 

Caterina Sabato

 

birdman

Potrebbero interessarti anche...

Caterina Sabato

Autore: Caterina Sabato

Pubblicato il 9 feb 2015 alle 1:49 pm

Lascia un commento su "Birdman o (L’imprevedibile virtù dell’ignoranza)"