Brandon Lee non doveva morire – E intanto si gira il remake de “Il corvo”

Brandon Lee non doveva morire – E intanto si gira il remake de “Il corvo”

Il cerone bianco, il trucco dark, i capelli neri e lunghi, i vestiti di pelle. Chi non ha subito pensato all’indimenticabile protagonista de Il CorvoEric Draven interpretato al Cinema  del compianto Brandon Lee? Un film entrato nella leggenda anche per la tragedia che sconvolse Hollywood: la sua morte prematura, erroneamente ucciso da un proiettile sul set mentre lavorava, come il padre Bruce Lee. Un leggenda entrata troppo presto nel firmamento delle star da non lasciarci in ricordo che solo l’interpretazione dell’icona dark per eccellenza. Troppo poco per non associarlo  solo e soltanto a Draven. Forse è anche qui la tragedia e il rammarico: un potenziale spezzato nel momento esatto dello slancio, sul trampolino di lancio verso un mondo grazie al quale, chissà, tanto ci avrebbe potuto dare. Quel mondo, Hollywood, che 20 anni dopo quel film “maledetto” si appresta a produrre il remake de Il corvo, chiamatelo anche reboot se preferite . E le proteste dei fan non mancano. Al posto di Brandon Lee l’attore gallese Luke Evans, che cerca di sedare gli animi, dichiarando che nessuno vuole mancare di rispetto al film originale in quanto in questa nuova pellicola si racconterà di  tutte quelle parti presenti nel fumetto di James O’ Barr e non trattate nel film di Alex Proyas. Di scempi già se ne sono fatti diversi: ricorderete sicuramente gli imbarazzanti sequel de Il corvo, compresa una sfortunata serie tv di una sola stagione. Il remake quindi , diretto dal regista spagnolo F. Javier Gutièrrez,  si gioca tutto sulla fedeltà al fumetto che ispirò questo cult dark e che potrebbe rivelarsi tutt’altro che un’inutile operazione di “resurrezione” per mancanza di idee.

Brandon Lee non doveva morire, così presto, così in fretta. Ci ha costretto ad un’infinita moviola del personaggio che lo ha per sempre rinchiuso dentro sé: Eric Draven. Ci sono mancati i suoi potenziali eccessi, gli scandali, gli amori tormentati, insomma tutto quello che si confà ad una star. Ma soprattutto ci ha privati di grandi interpretazioni o semplicemente di irrimediabili delusioni che lo avrebbero eclissato nel giro di qualche anno.

 

Caterina Sabato

 

The-Crow-1994-movie-pictures

 

Potrebbero interessarti anche...

Caterina Sabato

Autore: Caterina Sabato

Pubblicato il 13 mag 2014 alle 12:47 pm

Lascia un commento su "Brandon Lee non doveva morire – E intanto si gira il remake de “Il corvo”"