FILMARE L’IGNOTO – Lovecraft e il cinema

FILMARE L’IGNOTO – Lovecraft e il cinema

Cover

H.P. Lovecraft, un nome, come quello di E.A. Poe, ormai rappresentativo di un mito indiscusso della fantascienza letteraria del mistero e del terrore. E come l’autore di Providence ha esplorato i confini più tetri e oscuri legati all’ immaginario cosmico, così l’autore del volume che lo presenta quale fonte d’ispirazione per il cinema horror, dai mitici Sessanta a oggi, indaga a fondo nell’universo di Lovecraft costellato di mostri, creature inquietanti, filosofie rivoluzionarie e spesso male interpretate per strutturare una guida al cinema tratto dai racconti di Lovecraft. Una vera e propria full immersion nell’ignoto, come da titolo, per porre in evidenza lo stretto legame della narrativa di uno dei più grandi autori di tutti i tempi con la settima arte. Un legame che non conosce confini e che abbraccia le declinazioni horror tipiche di ogni parte del mondo. Un territorio talmente vasto quello partorito dalla geniale mente di Lovecraft che in tanti, qui tutti (anche sulla base di una personale selezione dell’autore) analizzati, hanno cercato di riprendere. L’autore si concentra in particolar modo sul cinema di Carpenter di stampo lovecraftiano, non eludendo autori considerati minori e di nicchia. Anche il nostro Fulci, forse l’autore più influenzato dallo scrittore, viene tributato in queste pagine ben scritte e racchiuse in un volume snello e gradevole, che agevola la lettura. Assolutamente consigliato!

Autore: Edoardo Trevisani

Casa editrice: Edit@

Titolo: Filmare l’ignoto – Lovecraft e il cinema

Pagg. 118

Euro: 14,00

Potrebbero interessarti anche...

Nico Parente

Autore: Nico Parente

Pubblicato il 3 ago 2016 alle 3:34 pm

Lascia un commento su "FILMARE L’IGNOTO – Lovecraft e il cinema"