I DIAVOLI DI KEN RUSSELL

I DIAVOLI DI KEN RUSSELL

Nel corso della storia la Chiesa ha sempre esercitato il suo potere sulle persone, condannando ogni forma di passione e di piacere come peccaminoso e frutto di Satana. Tutto questo mentre i rappresentanti di Dio sulla terra si macchiavano del sangue degli eretici e dei ribelli alle imposizioni religiose.

I diavoli, film del 1971 tra i più controversi del regista Ken Russell, ricostruisce un famoso processo per stregoneria nella Francia del 1634 e meglio di qualunque altro descrive la crudeltà e l’insensatezza degli uomini di Chiesa.

Urban Grandier (Oliver Reed), lussurioso ma misericordioso prete del paesino di Loudon, diventa l’ossessione segreta dalla storpia suor Jeanne (Vanessa Redgrave), tormentata giorno e notte dal pensiero dell’affascinante sacerdote. Il sogno allucinato della suora in cui Grandier, come Cristo, scende dalla croce e la possiede è tra le scene più forti e provocanti della storia del Cinema.

Quando Grandier convolerà a nozze segrete con la dolce Madeleine (Gemma Jones), suor Jeanne per vendetta lo denuncerà alla Chiesa come eretico e in combutta con il Demonio.

Un’opera ingiustamente poco considerata che, attraverso provocazioni e scene blasfeme, spiega come la vera oscenità sia nella crudeltà delle istituzioni, che facendo leva su precetti e sull’ignoranza dei popoli, sono capaci di tramutarsi in diavoli in terra. Un film che fa riflettere sul senso profondo della religione che acceca i fedeli e inibisce le naturali tendenze dell’essere umano.

Un film visionario e di una bellezza sconvolgente che provocò diverse reazioni, soprattutto in Italia. L’anteprima italiana al Festival di Venezia del 1971 scatenò l’ira del Centro Cattolico Cinematografico che chiese le dimissioni di Gian Luigi Rondi, all’epoca presidente della commissione selezionatrice e del patriarca di Venezia, Albino Luciani. Il critico del giornale cattolico Avvenire, Giovanni Raboni, fu licenziato perché recensì positivamente il film. Processato per oscenità, Russel fu costretto a tagliare diverse scene della pellicola, come quella in cui un gruppo di suore, nel mezzo di un’orgia, profanano un enorme crocefisso.

Un capolavoro così d’impatto da scuotere e travolgere le coscienze di tutti, anche di coloro che si nascondono dietro il perbenismo e la fede cieca.

Vanessa Redgrave è una spanna sopra tutti gli altri attori con la sua interpretazione da manuale: delirante e isterica.

 

Caterina Sabato

idiavoli

Potrebbero interessarti anche...

Caterina Sabato

Autore: Caterina Sabato

Pubblicato il 7 ott 2013 alle 12:23 pm

Lascia un commento su "I DIAVOLI DI KEN RUSSELL"