IL SETTIMO SIGILLO

IL SETTIMO SIGILLO

IL SETTIMO SIGILLO (1957) è un film diretto da Ingmar Bergman nel 1957, film incentrato sul dubbio dell’esistenza del divino nell’incontro con la caducità della morte.

Al ritorno dalle crociate, il cavaliere Antonius Block (Max Von Sydow) e il suo fido scudiero Jons (Gunnar Bjornstrand) incontrano la morte ad  attenderli impersonificata da Bengt Ekerot. Da qui, sullo scenario di una Scandinavia devastata dalla peste e dai propri dubbi interiori, il cavaliere e la morte cominciano una partita a scacchi che vedrà l’epilogo nella vittoria della morte, solo grazie al volere del cavaliere che punta maggiormente a salvare una famiglia di saltimbanchi.

Più che il tema del trapasso, il cardine del film è il rapporto con l’Onnipotente di fronte all’inevitabile avvento della morte, sia da parte dei protagonisti (di ceti sociali differenti e con finalità diverse) che da parte dei personaggi di sfondo, talvolta terrorizzati dalla morte a tal punto da immedesimarsi in pratiche d’espiazione quantomeno singolari; talvolta ignoranti del tutto di questa evenienza. Qui la vicenda del cavaliere prende ancora più valore, tra i suoi dubbi e i suoi tormenti, sull’utilità delle sue gesta, sull’infallibilità della morte e soprattutto sul disegno divino di tutto, ponendo così le basi per una critica alla sua fede. Sullo sfondo dell’ormai leggendaria partita a scacchi, quando  il cavaliere comprende di  non poter vincere la sfida ma che, ad armi pari, neppure il mietitore potrebbe, prende una decisione ferma: decide deliberatamente di urtare contro i pezzi della scacchiera, che la morte risistemerà poi in modo da avere una facile vittoria, ma di fatto salvando la vita ad un’ ignara famiglia di saltimbanchi. Un film che, sia per i mezzi a disposizione e sia per il budget limitato, presenta molte lacune dal punto di vista della produzione. Il tema trattato però rappresenta al meglio il rapporto angoscioso tra l’uomo e il suo necessario bisogno di credere, rappresentato attraverso le paure, le ansie e le angosce che l’incombenza dell’incontro con la Grande Mietitrice può portare. Un film capace di scuotere, come pochissimi altri, i più cupi dubbi esistenziali.

di Marco Furia

IL SETTIMO

Potrebbero interessarti anche...

Nico Parente

Autore: Nico Parente

Pubblicato il 24 nov 2013 alle 11:57 am

Lascia un commento su "IL SETTIMO SIGILLO"