Intervista a Gordiano Lupi, in arrivo il quinto volume sull’horror italiano!

Intervista a Gordiano Lupi, in arrivo il quinto volume sull’horror italiano!

gordiano

Gordiano Lupi, direttore editoriale de Il Foglio, è un critico attento e molto attivo. Prossimamente vedrà la luce l’opera conclusiva di una delle sue collane più fortunate, intitolata “STORIA DEL CINEMA HORROR ITALIANO“. Giunto al quinto volume, Lupi rivolge il suo sguardo alle giovani promesse del brivido italiano. Ma sentiamo quanto ci ha rilasciato in questa intervista..

Gordiano, a breve uscirà il tuo quinto e ultimo volume sulla storia del cinema horror italiano. Ci descrivi meglio il lavoro?

 Il volume parte con Bruno Mattei e arriva a Stefano Simone, passando per Roger Fratter, Mario Landi, Ivan Zuccon e tanti altri autori contemporanei. Mi hanno aiutato Luca Ruocco e Nico Parente, che conoscono meglio di me le nuove frontiere dell’horror italico. Senza di loro avrei gettato la spugna, oppure avrei dato alle stampe un lavoro molto lacunoso.

-  Il prossimo volume sarà sempre edito da Il Foglio, giusto? Che riscontro hanno avuto di critica e pubblico i quattro precedenti?

Sì, il progetto HORROR ITALIANO è del Foglio Letterario. Guai a chi ce lo tocca! Scherzo, ovviamente… Il riscontro di critica è stato molto positivo. Tanti media ne hanno parlato e tutti in termini lusinghieri, da Film TV a La Rivista del Cinematografo, tanto per citare due riviste importanti. Il volume più venduto è – per adesso – il numero uno, dedicato al Gotico, che ha superato il migliaio di copie. Non sono poche, visto l’argomento di nicchia. Vanno bene anche gli altri, comunque. Sono libri che non usciranno mai di catalogo, perché molto richiesti.

Da dove l’esigenza, ancora oggi che si è detto forse già tutto sull’horror italiano, di dar vita a questa collana?

Vero, si è già detto molto. Sono consapevole che critici importanti l’hanno anche detto anche meglio di me, con maggior competenza tecnica, con più dettagli informativi. Il mio lavoro è originale e utile, penso, perché caratterizzato da una volontà divulgativa. Cerco di rendere comprensibile a tutti la materia e voglio dare sistematicità organica alla trattazione. Non dimentichiamo che le cose più importanti sull’horror italiano sono state dette su riviste (molte chiuse) e libri introvabili. La materia è dispersa in tanti rivoli…

-Ti occupi prettamente di cinema italiano, perché? Non credi possa essere limitante per un critico?

Forse è un limite per un critico, ma non per me che mi ritengo un appassionato. Non posso occuparmi di cose che non stuzzicano la mia fantasia, per un motivo o per l’altro. Amo il cinema italiano, bello o brutto che sia, credo di conoscerlo abbastanza e per questo ne parlo. Mi occupo anche di cinema cubano, per lo stesso motivo. Qualcuno mi ha fatto la stessa domanda per la lingua spagnola, mi hanno chiesto perché traduco solo scrittori cubani. Vale la stessa risposta che do per il cinema. Non sono un traduttore professionista. Scelgo cosa tradurre e lo faccio solo con le cose che amo e che vorrei aver scritto.

Nel tuo ultimo volume sull’horror italiano si parla delle giovani leve. I nomi secondo te più promettenti?

Ivan Zuccon è molto più che una promessa. Stefano Simone sono convinto che verrà fuori, invece. Non vi perdete il suo prossimo film: Gli scacchi della vita. Sì, lo so. Sono partigiano. Ma chi non lo è, in fondo? Il film è tratto da un mio racconto…

-Oltre ad essere autore sei anche editore. Quali sono gli argomenti che più incontrano l’interesse di un certo tipo di lettori?

La saggistica alternativa, sia cinematografica che musicale. Abbiamo un libro sul Dark che è tra i più venduti, ma anche uno sul Black Metal e altri sul fumetto manga che vanno bene. Vendiamo abbastanza anche i libri su Cuba e la saggistica che si occupa della città in cui viviamo (Piombino), logicamente solo a livello locale.

Quando avremo l’opportunità di poter avere tra le mani il tuo quinto volume?

Penso a fine 2015, perché prima devo far uscire un lavoro enciclopedico su Franco Franchi e Ciccio Ingrassia che sono riuscito a restringere in un solo volume di grande formato.

Potrebbero interessarti anche...

Nico Parente

Autore: Nico Parente

Pubblicato il 17 set 2014 alle 6:58 pm

Lascia un commento su "Intervista a Gordiano Lupi, in arrivo il quinto volume sull’horror italiano!"