La rinuncia di David Lynch

La rinuncia di David Lynch

David Lynch non manterrà la promessa: non tornerà a Twin Peaks. Quel “ci rivedremo tra 25 anni” ora  risuona per i fan della serie (e del regista) come un’amara speranza infranta. È di pochi giorni fa la notizia che questa terza serie “non s’ha da fare” . È proprio Lynch da Facebook a comunicarlo: “Cari amici, dopo un anno e quattro mesi di negoziati rinuncio, perché non è stato stanziato abbastanza denaro per realizzare il copione come ritenevo che andasse fatto. Questo weekend ho cominciato a chiamare gli attori per spiegare la mia decisione. Showtime potrebbe comunque portare avanti il progetto. Adoro il mondo di Twin Peaks e mi sarebbe piaciuto che le cose andassero diversamente.”

La delusione è stata tanta, milioni i commenti dei fan che incoraggiano il regista a ripensarci, a girare comunque anche a budget limitato: “va bene anche se carichi qualcosa su youtube” si legge, tanta la disperazione. È sicuramente impensabile e inaccettabile che la terza stagione non sia girata da colui universalmente conosciuto come il regista del no sense, il genio del mistero e dell’inquietante che ha ancora tanti misteri da svelarci sul “caso”  televisivo più sconvolgente di sempre.

Certo è che la decisione di Lynch è sicuramente mossa dalla volontà di non girare uno sterile ritorno di una serie che rimane, a distanza di anni, un cult.  Ma neanche gli attori reclutati da mesi non ci stanno, tanto da girare un video-petizione per convincerlo a ripensarci. “Twin Peaks senza David Lynch è come?”: da Sheryl Lee (l’amata Laura Palmer) a Mädchen Amick, tutti esprimono la loro: un buco senza ciambella, una ragazza senza un segreto e via di metafore anche banali (https://www.youtube.com/watch?v=BO934i9uO1c). Basterà tutto questo a farlo tornare sui suoi passi o ci troviamo di fronte all’ennesima, astuta trovata pubblicitaria?

L’ennesimo mistero da risolvere a Twin Peaks.

 

Caterina Sabato

 

maxresdefault

Potrebbero interessarti anche...

Caterina Sabato

Autore: Caterina Sabato

Pubblicato il 13 apr 2015 alle 11:24 pm

Lascia un commento su "La rinuncia di David Lynch"