Nelle notti riflesse delle anime incendiate – la recensione

Nelle notti riflesse delle anime incendiate – la recensione

Cop_Tentori_500px

Antonio Tentori come non lo avete mai conosciuto (e letto). Il noto saggista e sceneggiatore romano torna sugli scaffali con una nuova pubblicazione: “Nelle notti riflesse delle anime incendiate” (Fuorilinea). Questa volta Tentori non ha dato alle stampe un’ulteriore analisi, ma si è aperto al suo pubblico. Come? Attraverso un’ introspettiva opera che racchiude su carta istanti e frammenti di vita dell’autore. Una serie di versi, volutamente privi di punteggiatura e titoli, attraverso i quali Tentori lascia immergere il lettore nei suoi deliri esistenziali. Ne avvertiamo la malinconia, i dolori, le sofferenze, i momenti più lieti, ma soprattutto ad emergere è l’inquietudine che lacera il suo animo. Firma prestata da oltre vent’anni or sono al cinema e alla letteratura di genere, quella di Tentori ritorna con questa raccolta di poesie non per terrorizzare quanto per esorcizzare le proprie paure. Lo sceneggiatore capitolino si mette a nudo, spogliandosi metaforicamente delle sue angosce più grandi. Se realmente desiderate conoscere chi si cela dietro quella firma, non dovete far altro che sfogliare queste pagine.

Nico Parente

Potrebbero interessarti anche...

Nico Parente

Autore: Nico Parente

Pubblicato il 2 mar 2017 alle 3:45 pm

Lascia un commento su "Nelle notti riflesse delle anime incendiate – la recensione"