NOCTURNAL ANIMALS – la recensione

NOCTURNAL ANIMALS – la recensione

Nocturnal-Animals-1

Susan (Amy Adams), proprietaria di una galleria d’arte, riceve un giorno la bozza di un romanzo scritto dal suo ex marito Edward (Jake Gyllenhaal), che non sente da anni. Sfogliando le prima pagine e immergendosi nella lettura, approfittando dell’assenza del compagno, Susan scopre di essere la protagonista di Nocturnal Animals

Thriller violento e crudo che Tom Ford dirige con bravura disarmante e continui rimandi al sottogenere rape&revenge, strizzando l’occhio al thriller psicologico. Se dovessimo citare dei titoli di riferimento non potremmo non menzionare L’ultima casa a sinistra, Non violentate Jennifer e persino Secret Windows. Se a tratti la trama può risultare prevedibile, punto di forza del film è senza dubbio il montaggio, che alterna il dramma sentimentale vissuto dalla coppia Adams-Gyllenhaal a quello tragico vissuto dai protagonisti del romanzo. Tom Ford dirige un thriller elegante, ma che non elude le sequenze sanguinarie e la tensione, elementi crescenti via via che il romanzo viene letto dalla protagonista. I personaggi risultano ben scritti, seppur non molto distanti dagli stereotipi del genere, e trovano il loro spazio all’interno di un copione egregiamente scritto e che ben assorbe le modifiche apportate al soggetto originale di Austin Wright “Tony and Susan”. A tratti Ford sembra voler mettere in scena personaggi tarantiniani, come lo sceriffo Bobby Andes (Michael Shannon), e location claustrofobiche, sporche e cupe tipiche del miglior cinema del regista di Pulp Fiction. Ma non pensate al film di Ford come a un semplice thriller. Tom Ford presenta la vicenda sanguinaria come espediente per raccontare il dramma sentimentale vissuto da una coppia che ha troncato la vita coniugale per incompatibilità caratteriale. Edward attua la vendetta (è stato lasciato da Susan, che ha anche abortito) tramite il suo romanzo, uccidendo la sua ex nel racconto e dimostrandole quanto in realtà, contrariamente a ciò che lei pensava, egli sia forte. A cedere sarà infatti Susan la quale, accortasi di vivere una relazione ormai prossima al tramonto, cercherà nuovamente la sua vecchia fiamma. Sarà il finale, inaspettato e sorprendente, a svelare il lato più spietato del protagonista. Assolutamente da vedere!

Nico Parente

Potrebbero interessarti anche...

Nico Parente

Autore: Nico Parente

Pubblicato il 6 set 2016 alle 8:22 pm

Lascia un commento su "NOCTURNAL ANIMALS – la recensione"