Speciale FANTAFESTIVAL 2015

Speciale FANTAFESTIVAL 2015

fantafestival-2015

Pur dovendo contare sempre meno sull’aiuto concreto di enti e amministrazioni, anche quest’anno il Fantafestival di Roma riesce nell’impresa e porta a casa un’ennesima edizione, la trentacinquesima, degna di nota. Per l’edizione 2015 viene riconfermata la location dello scorso anno, il Multisala Barberini (Piazza Barberini) a Roma. Tantissimi i film in concorso, tra corti e lungometraggi, e davvero ricco il cartellone degli ospiti d’eccezione, alcuni dei quali giunti a sorpresa per la gioia del numeroso pubblico. Ad aprire le danze lui, il Master of Horror di casa nostra, Dario Argento. Lunedì 22 Giugno, infatti, il Fantafestival taglia il nastro di partenza proiettando, in una sala, in anteprima il mockumentary diretto dall’esordiente Vincenzo Petrarolo Lilith’s Hell, un esorcistico che vede la partecipazione straordinaria di Monsieur Cannibal Ruggero Deodato. Il film nel complesso non si presenta male, ma parte del cast artistico e alcune scelte stilistiche fanno presto calare le aspettative. La presenza di Ruggero Deodato in sala rende certamente il clima di festa ancor più gioioso per tutti gli amanti della trilogia cannibale, ma il pubblico è tutto per lui: Dario Argento. A partire dalle 18.00 anche in un’altra sala del Barberini hanno inizio le proiezioni, con l’anteprima di ‘Suspension’(Canada, 2015) e il primo ciclo dei ‘fantacorti’.

Terminata la proiezione, con qualche minuto di ritardo rispetto al tabellone degli appuntamenti, giunge in sala Dario Argento, seguito da Adriano Pintaldi e Alberto Ravaglioli. Tra il pubblico notiamo anche Fiore Argento. Prima ancora di rendere omaggio al film capolavoro del regista romano ‘Profondo Rosso’, che quest’anno festeggia quarant’anni, Pintaldi e Ravaglioli invitano gli ospiti della serata a ricordare un grande nome del cinema mondiale scomparso pochi giorni fa: Christopher Lee. Parliamo al plurale perché oltre a Dario infatti, giunge in sala il celebre interprete Franco Nero il quale, attraverso aneddoti e memorie personali, ricorda Lee in maniera singolare, facendo commuovere l’intera platea. Passa poi il microfono a Dario, come sempre di poche parole, che comunque ricorda il compianto attore definendolo ‘unico’.

Dario Fanta

E’tempo, come da tradizione, di presentare lo spot ufficiale di quest’edizione del Fantafestival. Dopo pochi minuti, Dario è nuovamente al fianco di Pintaldi per presentare il suo ‘Profondo Rosso’, proiettato dopo pochi minuti in una rara versione fornita dal CSC, contenente alcune differenze rispetto alla versione definitiva.

Sulle note dei Goblin si conclude la prima serata del festival del fantastico.

Anteprime e corti sono previsti ogni giorno, ma passiamo ora in rassegna gli eventi principali. Nella giornata di martedì 23 viene ritagliato anche un piccolo spazio per l’editoria di genere, con le presentazioni dei volumi editi dalle case EUS e Il Foglio. Tra i titoli: Mad Max Trilogy (EUS), Il Corvo (EUS), The Texas Chainsaw Massacre (Il Foglio).

Nome d’eccezione di quest’afosa giornata è la splendida Barbara Bouchet, ospite del Fantafestival in occasione dell’anteprima nazionale dell’ ultimo film al quale ha preso parte: Darkside Witches di Gerard Diefenthal. Dopo una conferenza riservata alla stampa (alla quale noi abbiamo partecipato) tenutasi presso l’hotel Barberini,  l’attrice e il regista, seguiti anche dal compositore Claudio Simonetti (autore delle musiche di ‘Darkside’), giungono in sala tra gli applausi del pubblico. Presente anche buona parte del cast (tutto al femminile) della prima opera di Diefenthal. All’attrice tedesca naturalizzata in Italia viene consegnato da Adriano Pintaldi il premio riservato agli ospiti d’eccezione e subito dopo si lascia spazio al film. Dopo pochi minuti la Bouchet lascia la sala, secondo molti contrariata da alcune sequenze eccessivamente spinte. L’horror fantasy diretto dal francese Diefenthal non sembra comunque conquistare critica e pubblico.

darkside

Si giunge così a uno degli appuntamenti ricorrenti della rinomata kermesse dedicata al fantastico: lo Z-DAY. Nella giornata di mercoledì 24, a partire dalle 18.00, zombie putrefatti percorrono il breve tragitto che distanzia la Casa del Cinema, situata presso la suggestiva Villa Borghese, dal multisala Barberini. Cortometraggi e proiezioni nel frattempo si alternano tra le due sale messe a disposizione dell’organizzazione. Meritano una menzione particolare il film collettivo E.N.D., che vede dietro la macchina da presa rilevanti nomi del nuovo panorama horror italiano (Federico Greco, Luca Alessandro, Domiziano Cristopharo..) e firme prestigiose sul copione, come quella del noto sceneggiatore Antonio Tentori, e la produzione italo canadese Zombie Massacre 2: Reich of the Dead.

Z DAY

 

Giovedì 25, il Fantafestival riserva al suo affezionatissimo pubblico una grande sorpresa: per il centenario della nascita di Orson Welles, la direzione artistica offre in pasto ai tanti presenti l’adattamento italiano in diretta del celebre radiodramma War of the Worlds. A seguire, ancora editoria di genere con la presentazione del magazine a fumetti Mostri, alla presenza della redazione Bugs Comics. Una lunga serie di titoli, tra corti e anteprime internazionali e non, allietano il pubblico impaziente di assistere al grande evento previsto per il giorno seguente. La serata tanto attesa si apre ufficialmente con la presentazione del documentario diretto da Giancarlo Soldi Nessuno siamo perfetti, che ripercorre vita e carriera del creatore del mitico Dylan Dog Tiziano Sclavi. Sono da poco trascorse le 18.30 quando, seguita da Adriano Pintaldi e Alberto Ravaglioli, sale sul palco della sala 2 del cinema Barberini, venerdì 26, Sua Signora delle Tenebre Barbara Steele. Il pubblico è in delirio alla vista dell’attrice britannica che considera Roma la sua città. In un incontro moderato dal regista cult Marcello Avallone (Spettri, Maya), Barbara Steele racconta al pubblico il suo esordio dietro la macchina da presa sul set de La maschera del demonio (1960), ricorda le sue lunghe passeggiate notturne per i vicoli di Roma assieme a Fellini, si sforza di parlare italiano (pur disponendo di un traduttore simultaneo), racconta le sue ‘paure’ e definisce l’Italia come la sua America. E’nostalgica Barbara Steele, nostalgica di quei tempi in cui l’Italia era la patria del cinema di genere. E’elegante, raffinata, singolare in ogni minimo gesto. Toccante il suo saluto rivolto all’erede del compianto Antonio Margheriti, Edoardo, presente in sala. Barbara Steele si rivela una persona estremamente sensibile, dichiara di essere molto superstiziosa e di amare il suo personaggio. Rivela un forte legame con la Capitale, affermando di avvertire l’esigenza di tornarvi spesso poiché quella città rappresenta il momento più bello della sua vita e della sua carriera. Dopo alcune domande concesse al pubblico e alla stampa presente in sala, Sua Signora Oscurità saluta i presenti per spostarsi presso uno stand e dedicarsi a foto e autografi.

Steele Fanta

 

Un evento unico che incorona certamente l’attrice cult come ospite d’onore di questa edizione del Fantafestival. Durante l’incontro vengono anche presentati due corti d’animazione che la vedono partecipe: The Shutterbug Man e The Mill at Calder’s End. Rapido cambio palco e la scena viene lasciata a due rilevanti nomi dell’editoria e del fumetto di casa nostra, ovvero Paolo Di Orazio e Paolo Altibrandi della redazione di Splatter. In occasione dell’incontro col pubblico, Di Orazio presenta il suo nuovo romanzo Debbi (la strana). Uno scroscio di applausi saluta i due splatteriani e lascia spazio alle numerose proiezioni previste in serata.

Dopo un weekend di meritato riposo, il Fantafestival giunge così alla sua ultima giornata, dedicata alle premiazioni, la sera di lunedì 29. Qui di seguito l’elenco dei vincitori:

Pipistrello d’Oro al Miglior Film Straniero al georgiano  Landmine Goes Click di Levan Bakhia.

Pipistrello d’oro al Miglior Film Italiano a Lorenzo Sportiello per il suo Index Zero.

Vincono, nella sezione corti, The Mill at Calder’s End del canadese Kevin Mc Turk (Pipistrello d’oro al Miglior Cortometraggio Internazionale), cortometraggio che vanta la partecipazione straordinaria di Barbara Steele, e Memories di Vincenzo Alfieri (Pipistrello d’oro al Miglior Cortometraggio Italiano).

Il Premio Mario Bava, assegnato alla Migliore Opera Prima tra i film italiani selezionati, quest’anno è stato vinto da Fantasticherie di un passeggiatore solitario di Paolo Gaudio.

La serata si conclude con l’assegnazione del Premio alla Carriera all’ospite d’onore Barbara Steele e con la proiezione, in anteprima, dell’atteso remake Poltergeist.

 

Nico Parente

 

Potrebbero interessarti anche...

Nico Parente

Autore: Nico Parente

Pubblicato il 1 lug 2015 alle 1:06 pm

Lascia un commento su "Speciale FANTAFESTIVAL 2015"