THE CIRCUS OF HORRORS – Parlano i protagonisti!!

THE CIRCUS OF HORRORS – Parlano i protagonisti!!

circus

In occasione della tappa salentina del Circo degli Orrori, spettacolo ideato circa vent’anni fa da Dr. Haze, noi di nosun non potevamo certo perdere un’occasione così ghiotta d’ incontrare in persona coloro che stanno terrorizzando il Salento e la Puglia tutta. Muniti di aglio e crocefisso, varcati i cimiteriali cancelli, ci siamo addentrati nel poco rassicurante tendone nero, sempre attenti che vampiri, mostri d’ogni genere o degenerati armati di motosega non ci sbudellassero prima…

Sopravvissuti, abbiamo bussato ai battenti delle tenebrose dimore e ad accoglierci, appena svegliatosi al calar del sole, è stato proprio il transilvano Nosferatu.

- Approda in Italia “THE CIRCUS OF HORRORS”. Che impressione hai in merito al presentare un simile spettacolo al pubblico italiano?

E’ certamente un ambito nuovo, poco conosciuto e che cerchiamo di far conoscere. Pare che funzioni, la gente ne parla, è soddisfatta e questo è molto importante!

 

- L’Italia non brulica di patiti del genere, eppure il vostro spettacolo sembra funzionare. Qual’è il segreto?

Come ho già detto, puntiamo sul far conoscere qualcosa di nuovo, che non ci si aspetta! Il pubblico è eterogeneo,  nonostante lo spettacolo sia sconsigliato (ma non proibito!) ai minori di 12 anni, abbiamo tantissimi bambini e ragazzini di ogni età al nostro spettacolo, ed è un importante segnale!

 

- Come vivi il rapporto con il personaggio che interpreti?

Mi sono adeguato al personaggio e spero di interpretarlo bene!

Scampati al suo letale morso, tra i nebulosi vicoli del circo siamo incappati in una strana sagoma: statura bassissima, ghigno poco rassicurante e quanto mai inquietante, e battute al limite dell’osceno, il nano pervertito “Professor Ghigno” ci ha sbarrato il cammino. Abbiamo allora tentato di distrarlo cercando, nel frattempo, di escogitare una via di fuga!!

- Che ruolo interpreti in questo show?

Un professore, ma un  tipo di professore molto particolare e come nella vita normale, ovviamente, non sono: un depravato!

 

- Come ha risposto sinora il pubblico al vostro show?

Sinora molto bene!! Tutti sembrano rimanere contenti. E’ il primo spettacolo di questo genere a simili livelli in Italia.

 

- Ci sono molti bambini tra il pubblico, e lo spettacolo non è proprio adatto ai piccoli. Com’è lavorare sapendo che tra il pubblico vi sono anche bambini di età tra i 5 e i 6 anni?

Anche loro è giusto che si divertano e noi facciamo di tutto per soddisfare anche le esigenze dei più piccoli!

 

- Ma li fate più divertire o spaventare?

Li facciamo spaventare in modo comico, simpatico. Ciò che inizialmente sembra pauroso sfocia poi nel divertimento puro!

Incuriositi dalla sua spettrale figura, abbiamo approfittato per richiamare a noi l’attenzione di un prete (certamente non puro e casto!) che si diverte nel fare l’acrobata per le creature delle notte che popolano il circo…

- Come descriveresti lo spettacolo?

Beh, è uno spettacolo circense ma molto differente da quello al quale siamo abituati! Si rivolge ad un altro tipo di pubblico, agli adulti magari.

 

- Ti diverte farlo?

Moltissimo! E’ il lavoro che più mi piace al mondo, e lo faccio! Inoltre, mi piace spaventare la gente e fare scherzi…sono così anche nella vita di tutti i giorni.

 

- L’horror quindi è un genere che ti piace a prescindere?

Non mi piace, m’incanta!!

Ma mentre pensavamo di fuggire, certi di non esser passati inosservati agli occhi del sanguinario clown che diverte la gente tagliando gole e brutalizzando bambini innocenti, Psycho, il suo terribile richiamo è giunto sino a noi che, terrorizzati, abbiamo tentato di avvicinarlo…

- Cosa si prova nell’ interpretare un clown psicopatico?

Non direi interpretare. Una volta indossata la maschera sei quel personaggio! Se non lo senti, se non entri dentro la maschera è tutto inutile!

 

- E’ un qualcosa che avverti nel profondo allora?

Assolutamente! Tutto ciò che ti circonda, dal momento in cui indossi la maschera, non esiste.. Ormai sei quel personaggio. Io in pista sono Psycho!

 

- Quanto ti piace farlo?

Non saprei, la considero una realizzazione! E’tutto così bello, fantastico!

 

- Il riscontro del pubblico?

La gente lo adora! Alcuni tornano anche 2 o addirittura 4 volte! Non si può chiedere di più. E’ una gran soddisfazione.

 

- Tu sei una delle maschere principali, ma all’ interno di questa realtà come funziona?

Qui nessuno è principale! Uno senza l’altro non funziona! Siamo tutti principali..

 

- Il clown cattivo è un personaggio che da sempre piace al pubblico del genere horror. Tu sei davvero inquietante e cattivo. Come ti poni nei confronti dei più piccoli presenti?

Il minimo che puoi fare è sconvolgerli!!! (ride) Non dipende da me, te l’ho già detto. Io non esisto più, esiste solo Psycho!

 

- Ti piace più divertire o spaventare?

Divertire spaventando!!

Intervista a cura di Nico Parente

 

 

 

 

Potrebbero interessarti anche...

Nico Parente

Autore: Nico Parente

Pubblicato il 8 gen 2015 alle 9:01 pm

Lascia un commento su "THE CIRCUS OF HORRORS – Parlano i protagonisti!!"