10
Ott

VENOM – la recensione

Diretto da Ruben Fleischer e con protagonista assoluto Tom Hardy, il cinecomic campione d’incassi dedicato all’antesignano di Spider Man, Venom arriva sul grande schermo presentandoci la storia di Eddie Brock, un reporter d’assalto votato alla causa a tal punto da sfidare il magnate Carlton Drake (Riz Ahmed), che sta conducendo degli esperimenti totalmente fuori protocollo sugli umani per cercare di sperimentare la possibile simbiosi tra specie umana e forma aliena. Purtroppo la soffiata non va a buon fine ed Eddie si ritrova contagiato dal “parassita” diventando così un simbionte…

Ricco di action e humour, il cinecomic di Fleischer non delude le aspettative, presentando al grande pubblico una trama semplice e scontata, ma divertente e ritmica. Hardy è ad agio nei panni del casuale supereroe, palese archetipo dell’inconscio, che stacca le teste a morsi ed è dotato di capacità strabilianti. Lo scontro tra titani non tarda ad arrivare, ed ecco che Drake rimane vittima della sua creazione dando l’opportunità a Brock di riscattarsi per aver perso il lavoro, la promessa sposa e la sua normalità. Gran dose di muscoli ed effetti digitali in questo che non sembra voler essere l’unico capitolo dedicato a Venom. Cameo di Stan Lee e un finale post titoli di coda contribuiscono a rendere ancora più appetibile l’esperimento. Intrattenimento assicurato.

Potrebbero interessarti anche...