YOU’RE NEXT – La recensione

YOU’RE NEXT – La recensione

youre-next-bloody-door

YOU’RE NEXT (2011) ha dovuto faticare molto prima di poter invadere le sale cinematografiche. Dopo l’enorme successo riscosso al Toronto International Film Festival e dopo aver ottenuto, nel 2011, al Fantastic Fest di Austin larghi consensi tra critica e pubblico, la pellicola diretta da Adam Wingard è stata accantonata per ben 18 mesi! Alla sua recente uscita nelle sale, pur privo di quell’entusiasmo venutosi a creare al suo esordio, YOU’RE NEXT è riuscito comunque a suscitare clamore. Definito dalla critica come il film in grado di sovvertire le regole del genere home invasion, YOU’RE NEXT effettivamente introduce nuovi canoni al filone, mescolando sapientemente elementi classici e innovativi e dando così nuova linfa al sottogenere di appartenenza.

I Davidson decidono di riunire, in occasione del loro 35° anniversario di matrimonio, tutta la famiglia nella loro casa di campagna. Alcuni sanguinari individui doverosamente mascherati, dopo aver massacrato i vicini, decidono di far visita all’allegra famiglia. Una vera e propria lotta per la sopravvivenza sta per avere inizio fra le mura di quella sperduta dimora…

Quella che potrebbe sembrare una trama intrisa di elementi triti e ritriti nasconde in realtà degli ottimi spunti rivoluzionari e innovativi. Lo sceneggiatore Simon Barrett, infatti, sa come tenere alta la tensione e soprattutto dona sapientemente un risvolto originale a quello che potrebbe essere il copione tipo di un solito slasher. Nei 96 minuti di durata, Barrett riporta in chiave moderna e decisamente riadattata ai giorni nostri i vecchi cari elementi dei primissimi gialli e thriller quali, ad esempio, il movente e le armi. In YOU’RE NEXT, infatti, non si massacra con doverose armi insolite (balestre, cavo d’acciaio, tavole chiodate…) giusto per il piacere di trasformare la casa Davidson in un mattatoio, ma questo lungo e sudato spargimento di sangue avviene per volere di alcuni membri della famiglia bramosi dell’ingente eredità. Le sanguinarie gesta avvengono dunque dietro pagamento e i killer mascherati sono dei veri e propri sicari. Tutti elementi questi ai quali noi, grazie al nostro thriller all’italiana, siamo fortemente legati. Ovviamente, come genere comanda, non si ricorre a nessuna arma da fuoco e le armi bianche la fanno da padrone dall’inizio alla fine. Non manca quell’umorismo nero in grado di far distendere i nervi dello spettatore di tanto in tanto e soprattutto il film scorre e si lascia guardare, senza annoiare e proponendo ripetuti colpi di scena. L’ordine costituito ricopre anche in questo caso un ruolo marginale, gli omicidi sono efferati, il sangue scorre a litri e soprattutto si mira ad evidenziare come quella che dovrebbe essere la famiglia perfetta si riveli in realtà essere un combo di spietati individui pronti a addirittura a massacrarsi l’un l’altro. Il cast (Sharni Vinson, Joe Swanberg, AJ Bowen, Nicholas Tucci) funziona bene e il ruolo dell’eroina cresciuta in un campo di survivor, ricoperto da Sharni Vinson (Shark 3D), contribuisce all’ottima riuscita del film. La musica è avvincente e si uniforma bene alla pellicola e le inquadrature, eccetto qualche piccola pecca sui particolari, sono davvero buone. Insomma, YOU’RE NEXT merita di essere visto!

Nico Parente

Potrebbero interessarti anche...

Nico Parente

Autore: Nico Parente

Pubblicato il 2 nov 2013 alle 11:27 am

Lascia un commento su "YOU’RE NEXT – La recensione"